Ernia ombelicale e altre ernie della linea mediana

Indice
Introduzione
Ernia ombelicale: segni e sintomi
Ernia ombelicale intervento
Ernia ombelicale, fascia addominale e sport
Altre ernie e laparoceli

Introduzione

L'ernia ombelicale cosi come le altre ernie della linea mediana addominale (epigastriche, sovraombelicali, sottoombelicali, ipogastriche, sottoxifoidee) originano a partire da sfibramenti e interruzioni del tessuto connettivo che compone la linea alba. La linea alba è quella struttura che mantiene uniti i due muscoli retti addominali ed è quindi la colonna portante della parete addominale.

Spesso nella donna le ernie ombelicali e della linea mediana si associano a diastasi dei muscoli retti e ne possono essere avvisaglia diagnostica. Inoltre nell’uomo frequentemente vi è associazione tra ernie ombelicali ed ernie inguinali.

Ernia ombelicale: segni e sintomi

Le ernie ombelicali cosi come le ernie della linea mediana sono facilmente diagnosticabili, si manifesta un gonfiore evidente a livello dell’ombelico e con il tempo esso cambia forma diventando estroflesso. Sempre con il tempo la cute dell’ombelico può assumere un aspetto sofferente ed assottigliato. Vi può essere dolore e nei casi più gravi l’intestino può impegnarsi comportando disturbi del transito.

Ernia ombelicale intervento

Le tecniche variano da quelle tradizionali che comportano un’incisione chirurgica sovra-sotto ombelicale alle più recenti tecniche mini invasive.

Nella nostra esperienza l’utilizzo della robotica ha consentito la riparazione di questo tipo di ernie in modo ottimale. L’intervento avviene attraverso tre piccole vie di accesso e nella stessa seduta operatoria è generalmente possibile riparare eventuale diastasi o ernie inguinali associate.

Generalmente sfruttiamo la via di accesso R-TAPP che consente di lavorare agevolmente con materiali di ultima generazione come reti semiriassorbibili ed autofissanti, collocandole in maniera molto stabile nello spazio pre-peritoneale.

Essendo la ricostruzione posteriore rispetto alla barriera muscolo tendinea si dimostra estermamente solida durante gli sforzi fisici.

Grazie al fatto che non ci sono tucks o ancorette di fissaggio per la rete l’intervento ha un basso livello di dolorosità.

La ricostruzione è collocata nello spazio pre-peritoneale, non vi è quindi alcun contatto con l’interno della cavità addominale ed i visceri per la massima protezione e sicurezza.

Ernia ombelicale, fascia addominale e sport

La fascia addominale contenitiva è un valido aiuto nel periodo post-operatorio, favorendo la compressione e cicatrizzazione dei tessuti appena operati, ma non è risolutiva se usata come elemento a se stante in assenza di una riparazione chirurgica.

Per quanto riguarda l’attività fisica nelle persone affette da ernia ombelicale o della linea mediana bisogna considerare che ogni aumento della pressione addominale è potenzialmente aggravante la patologia.

È pertanto relativamente controindicato l’esercizio fisico in presenza di ernie della linea mediana o ombelicali, in particolar modo crunch addominali e squat devono essere evitati.

Sarà invece possibile riprendere una normale attività fisica e qualsiasi sport dopo adeguata risoluzione chirurgica e convalescenza.

Altre ernie e laparoceli

In questo capitolo verranno elencate ernie di riscontro meno frequente, ma non per questo meno importanti.

Ernia di Spigelio

Tra le ernie rare senza dubbio vi è l’ernia di Spigelio, questa ernia si manifesta in una regione della parete addominale ben precisa, lateralmente ai muscoli retti in corrispondenza della linea semilunare di Douglas.

Il suo riconoscimento può essere difficoltoso perché spesso l’ernia si fa strada posteriormente senza deformare le fasce anteriori, risultando pertanto poco visibile o palpabile esternamente.

L’approccio terapeutico è anatomicamente sfavorevole alla chirurgia tradizionale, che si basa sull’incisione degli strati di tessuti partendo da quelli superficiali fino a quelli profondi.

Pertanto per le caratteristiche anatomiche dell’ernia di Spigelio abbiamo generalmente preferito, nella nostra pratica clinica, la via di accesso robotica R-TAPP sfruttandone gli evidenti vantaggi. Il lavoro viene infatti eseguito direttamente nel piano anatomico appropriato senza dover sacrificare gli strati superficiali sani.

Laparoceli

Per laparocele si intende un difetto erniario originato attraverso una precedente incisione chirurgica.

Più frequentemente possiamo trovare laparoceli che interessano la linea mediana, in quanto la maggior parte delle incisioni chirurgiche per interventi addominali avviene proprio sulla linea mediana.

Possiamo ulteriormente suddividere i laparoceli della linea mediana in sovra o sottoombelicali ed ulteriormente in mono o pluriconcamerati.

Si incontrano meno frequentemente laparoceli sottoscostali o ancora laparoceli sovrapubici che per la loro vicinanza a prominenze ossee vengono talvolta definti laparoceli di confine.

MILANO
Via Michelangelo Buonarroti 48 20145 Milano MI
ROMA
Via Aurelia, 559 00165 Roma RM
CÔTE D’AZUR
8 Avenue Camille Blanc 06240 Beausoleil, Francia
LONDRA
DUBAI

LE NOSTRE SEDI

MILANO
Via Michelangelo Buonarroti 48 20145 Milano MI
ROMA
Via Aurelia, 559 00165 Roma RM
CÔTE D’AZUR
8 Avenue Camille Blanc 06240 Beausoleil, Francia
LONDRA
DUBAI

INIZIA ORA IL TUO PERCORSO

Centralino unico italia
Whatsapp

La tecnica più moderna nelle mani più esperte. Il Dr. Antonio Darecchio ha la maggior casistica internazionale nella ricostruzione robotica per diastasi dei muscoli retti. Guarda la bellezza dei risultati!

Risultati