Liposcultura

La liposcultura è quella procedura chirurgica atta a ridurre e rimodellare accumuli adiposi sottocutanei nei vari distretti corporei.

A livello di parete addominale la liposcultura trova numerose applicazioni sia per quanto riguarda la riduzione di adipe che per quanto riguarda il rimodellamento. Attraverso delle particolari cannule introdotte a livello sottocutaneo mediante piccoli orifizi si procede al disgregamento e all’aspirazione del tessuto adiposo.

PrimaDopo

Liposcultura associata a ricostruzione robotica trans-addominale pre-peritoneale per diastasi dei muscoli retti.

Attraverso delle particolari cannule introdotte a livello sottocutaneo si procede al disgregamento ed aspirazione del tessuto adiposo. Le strumentazioni utilizzate per la procedura possono variare dalle tradizionali cannule aspirative al più moderno Vaser che consiste nell’associazione alla cannula di un manipolo ad ultrasuoni per facilitare la disgregazione tissutale. È possibile inoltre reimpiantare l’adipe, opportunamente trattato, in regioni differenti a seconda della necessità con una procedura denominata lipofilling. In ultimo recentemente si sono resi disponibili dei particolari dispositivi chirurgici Denominati J- Plasma che utilizzando radiofrequenze che inducono nel periodo post-operatorio un maggior ricompattamento cutaneo.

La parete addominale è una struttura organizzata in molteplici strati di ampia area ed il tessuto adiposo si trova in uno strato superficiale compreso tra cute e muscolatura. La parete muscolare è quindi direttamente sottostante allo strato adiposo e a sua volta ne condiziona la forma specialmente al variare dello stato di contrazione o rilassamento. Queste caratteristiche anatomiche implicano che durante l’esecuzione della liposcultura addominale il chirurgo debba avere una profonda conoscenza dell’anatomia muscolo-aponeurotica oltre che un innato senso estetico e delle proporzioni. La parete addominale è una struttura contrattile e dinamica, pertanto la forma del tessuto adiposo di una liposcultura va valutata a lungo termine non solo a paziente supino ma anche nella stazione eretta e durante alcuni movimenti. Nel periodo post operatorio è necessario indossare una guaina contenitiva e opportunamente conformata a seconda dell’esigenza specifica per un certo periodo. Non vi sono in genere punti di sutura da rimuovere ma piccoli cerottini in corrispondenza delle vie di accesso.
Il livello di dolorosità post operatoria è basso o assente e nel giro di alcuni giorni si possono riprendere le comuni attività. Per poter apprezzare il risultato di una liposcultura addominale sono necessarie settimane o mesi di assestamento nei quali tessuti si drenano e si ricompattano lasciando trasparire il risultato finale con maggior definizione.
Nella nostra esperienza la liposcultura si colloca otre che come manovra isolata anche come complemento estetico alla riparazione della diastasi addominale, generalmente nel contesto della stessa seduta operatoria, nei casi che lo richiedano.